venerdì 15 dicembre 2017
  Home arrow Missionari CPPS arrow la Spiritualità
Menu principale
Home
Liturgia del giorno
Parrocchia
Missionari CPPS
Cons. Pastorale
Gruppi
InformaParrocchia
Foto & Video
Cerca
Links
News
Documenti
Approfondimenti
Contattaci
Amministrazione
papa Francesco




Karibuni

Link a Karibuni

la Spiritualità
Indice articolo
la Spiritualità
Pagina 2
Pagina 3
Pagina 4



La Spiritualità del Prez.mo Sangue dall'antichità cristiana al sec. XIX.

Il valore del sangue di Cristo è stato sempre riconosciuto dalla Chiesa fin dagli inizi; e non poteva essere altrimenti, tanti e tali sono i riferimenti scritturali che lo affermano. Perfino l'aggettivo prezioso, più comunemente portato al superlativo è di origine biblica (cf l Pt 1,19). I Padri e gli scrittori ecclesiastici non mancarono di approfondire ed enucleare le affermazioni dei sacri testi, specialmente in riferimento alla redenzione (il S. è il caro prezzo pagato da Gesù per ricomprare l'umanità), all'alleanza (il S. di Gesù è il segno della nuova alleanza) e all'espiazione (il Sangue di Gesú, segno della sua offerta sacrificale, purifica l'umanità dal peccato). La virtú salvifica del S. preziosissimo appare talmente esaltata nelle fonti della rivelazione che non fa meraviglia che il S. di Cristo sia diventato nella pietà cristiana oggetto di particolare devozione. Questa devozione verso il S. prezioso fu conseguenza del a rinnovamento liturgico » che si instaurò nell'alto medioevo con la conversione alla fede cristiana dei popoli « barbari ».
Questi popoli sentivano il bisogno di un culto piú « umanizzato». Perciò, si dette corso a feste che rievocavano episodi toccanti della vita di Cristo. Alla Messa, unica forma di culto pubblico fino allora, si affiancarono processioni e cerimonie varie. In questo clima si svilupparono le « devozioni », in specie la devozione all'umanità di Cristo e, quindi, la devozione al Prez.mo. Sangue. Scrittori spirituali, teologi e mistici (p.e., s. Bonaventura, la b. Angela da Foligno, s. Caterina da Siena) alimentavano con i loro scritti questa sete spirituale. Gli inni, le sequenze, i canti e i testi di prosa di questo periodo della letteratura cristiana sono ricchi di richiami al S. di Gesú. Ugualmente le arti plastiche e figurative dell'alto medioevo danno grande risalto al S. di Gesú: il Crocifisso viene spesso rappresentato con il calice ai piedi; angeli che raccolgono con un calice il S. che sgorga dalle piaghe di Gesú; il « mistico bagno"» nel S. di Cristo, ecc. Esse originarono, nei rispettivi luoghi di conservazione, grande interesse popolare. Sorsero confraternite dedicate al S. di Cristo, si promosse l'istituzione di feste popolari con varie manifestazioni di pietà e s'introdusse anche il culto liturgico al Sangue prezioso con messe e uffici propri.


 
2010 Parrocchia Preziosissimo Sangue - Firenze
Informazione - Sito svilupato con CMS Joomla! per Webmaster.